Nuovissimo ricettario chimico online dating


18-Jul-2017 17:05

Bisogna arrivare al XII secolo poter iniziare veramente a parlare di specchi di vetro.

In quel secolo, in alcune zone della Germania e della Lorena si sviluppò un a tecnica di metallizzazione del vetro con il piombo o stagno senza però arrivare a produrre specchi di grande dimensione.

Questo tipo di vetro fu il segreto principale dei famosi specchi veneziani, che si producevano unendo una lastra di cristallo lucidato con fogli di stagno e utilizzando il mercurio: i sottili strati di stagno venivano uniti al vetro tramite un bagno di mercurio ed esercitando pressione; tale processo era costoso e complesso e rendeva lo specchio un prodotto di lusso.

Il predominio di Venezia nel settore si ebbe per due secoli.

La cenere, talvolta ripresa con acqua, forniva un determinato sale e il prodotto polverizzato entrava così a fare parte delle varie preparazioni.

Per trasferire i principi attivi delle materie prime a un liquido o ad un unguento si potevano adoperare ulteriori tecniche: anche quello di noci o mandorle; i grassi maggiormente adoperati erano quelli animali: “lardo di porcho maschio”, “sevo di capretto”; fra le resine: la ragia di pino, la colofonia, la trementina, il mastice, la pece.

Nel XIV sec a Venezia inizia la produzione dei primi costosissimi specchi.

nuovissimo ricettario chimico online dating-52

Free hard core web cams

Grazie a lui nacquero le tecniche di produzione degli specchi usate ancora oggi.Qui Trotula, donna coltissima dell’epoca, le attendeva con il suo libro “De mulierum passionibus,” nel quale ha lasciato molte ricette cosmetiche, alcune improponibili, come l’uso di testa e coda di lucertola bollita per dare lucentezza ai capelli, altre come questa: Tanto per capirci, l’orpimento è trisolfuro di arsenico As E gli specchi?